Un interessante articolo apparso oggi su il Sole 24 ore fa porre una riflessione su una tematica estremamente importante per chi come noi vive ogni giorno a contatto con la base sportiva, con i problemi legati all’impiantistica sportiva, con le problematiche legate alla necessità ormai divenuta cronica di un intervento del privato nella realizzazione e restaurazione di impianti sportivi.

Il tema della riflessione riguarda la possibilità data ai privati di donare dei soldi, le cd erogazioni liberali, a soggetti detentori di impianti al fine di poterli ampliare o restaurare , laddove affidati a associazioni sportive o società sportive dilettantistiche.

La corresponsione dei compensi agli amministratori di una srl sportiva dilettantistica è un “vecchio “problema che meritava un chiarimento soprattutto nella parte in cui non venivano chiariti i reali “ limiti imposti al compenso in relazione al compenso massimo previsto per il presidente del collegio sindacale per una società di azioni “. Il tutto, ovviamente, per non cadere nella contestazione di una distribuzione indiretta di utili laddove il compenso non fosse stato "parametrato" al dato normativo.

Sul punto, una società sportiva dilettantistica - regolarmente riconosciuta dal CONI ed in regime della Legge 398/91, ha proposto istanza di interpello all’Agenzia delle Entrate affinché potesse fornire un proprio chiarimento e nella speranza che ciò fosse dirimente per la questione controversa.

L’introduzione del Decreto Ministeriale 24 aprile 2013 (c.d. Decreto Balduzzi) ha avviato una stretta sulla certificazione per l’attività sportiva, provando a dare un nuovo assetto all’intero panorama dei certificati medici.

Ha suscitato scalpore la pronuncia della Corte di Giustizia Europea dello scorso 14 Marzo con la quale è stata presa posizione sulla nozione di "insegnamento scolastico o universitario" ai fini della corretta applicazione dell'imposta sul valore aggiunto relativamente ai corsi di guida per il conseguimento della patente B e C1.

Nello specifico la causa (per gli amanti delle cronache giudiziarie la C-449/17) scaturiva da una domanda di esenzione posta da una società nei confronti del fisco tedesco il quale, per il tramite della Corte Tributaria Federale, ricorreva in via pregiudiziale ai Giudici dei Trattati affinché si esprimessero sull’interpretazione dell’articolo 132, paragrafo 1, lettere i) e j), della direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28 novembre 2006, relativa per l'appunto al sistema comune d’imposta sul valore aggiunto.

Scarica l'articolo completo in PDF - Sfoglia l'articolo su flipsnack

Da parte delle associazioni e società sportive dilettantistiche, culturali e di promozione sociale cosa effettivamente è cambiato con l’entrata in vigore del GDPR?

Il 25 maggio 2018 è entrato in vigore il Regolamento Europeo 679/2016; successivamente, al fine di adeguare la previgente legislazione nazionale alla normativa europea, con D.Lgs. 101/2018 veniva modificato il Codice della Privacy.

Page 1 of 3

Login

Remember Me


In caso di problemi con gli account siete pregati di inviare una mail a
accfiscocsen@gmail.com
per ricevere assistenza.

I quaderni regionali di FiscoCSEN

Mappa dell'Italia Puglia Molise Campania Abruzzo Marche Lazio Umbria Basilicata Toscana Emilia Romagna Calabria


Prossimi Eventi

No events

Intervista al Presidente CSEN Francesco Proietti

Francesco Proietti

D: Presidente Proietti, in merito all'incontro tenutosi il 31 gennaio scorso nell'Aula Magna dell’Acqua Acetosa nel corso del quale i Sottosegretari Giancarlo Giorgetti, Simone Valente hanno presentato la nuova riforma del sistema sportivo italiano, alla quale Lei è stato presente in qualità di Presidente del CSEN. Ci può brevemente raccontare cosa è stato detto al fine di farci comprendere la reale portata di tale riforma?

FiscoCSEN & Antel