FISCOCSEN RISPONDE

Le risposte degli esperti

Salve, sono il presidente di una piccola A.s.d. con solo codice fiscale, essendo anche l'istruttore e non percependo altri redditi, posso lo stesso usufruire dei compensi sportivi fino a 10 mila€, oppure quale sarebbe la soluzione migliore?

2- Se dovessi distribuire dei compensi sportivi, quali obblighi fiscali sarei tenuto ad adempiere? Grazie in anticipo (Affiliato CSEN Trapani).

Accertata in via preliminare l'effettiva assenza di lucro, premesso che sarebbe opportuno verificare lo statuto e principalmente, per quanto al quesito, se lo stesso contenga o meno eventuali previsioni di gratuità degli incarichi, ricorrendone le condizioni oggettive – esclusione della natura professionale del compenso – e soggettive – riconoscimento ai fini sportivi dell'attività svolta dal sodalizio – al presidente, che è anche tecnico/istruttore, si ritiene possano essere erogati compensi ex art 67 lett m) del Tuir.

Per avvalersi di tale agevolazione occorre innanzitutto considerare e tenere ben presente la differenza tra il concetto di professionalità (nel senso di idoneità allo svolgimento) e l'esercizio professionale dell'attività che, vista la recente sentenza della Corte d'Appello di Roma n 2924/2018 (articolo Euroconference dell'Avv Guido Martinelli, ed del 24/07/2018) è “caratterizzata da ripetitività, regolarità, stabilità e sistematicità di comportamenti”. Inoltre, sempre secondo i giudici capitolini, le somme erogate devono avere “caratteristiche di marginalità”.

Preme evidenziare come tuttavia anche i compensi di esiguo ammontare possano essere contestati soprattutto quando, come del caso di cui ci si occupa, costituiscono per il contribuente primaria ed unica fonte di reddito.

Da non sottovalutare anche la questione “distribuzione indiretta di utili”, fattispecie che farebbe perdere al sodalizio in questione lo status di ente non commerciale. A tal proposito si ricordano la CM 124/E del 22 maggio 1998 e la RM 9/E/2007, disposizioni, richiamate nel protocollo d'intesa del 2014 stipulato tra la Direzione Regionale FVG ed il Comitato Regionale CONI del FVG, in cui, per quanto all'art 10 c. 6 del Dlgs 460 (Onlus), in via generale, “costituiscono in ogni caso distribuzione indiretta di utili o avanzi di gestione” i compensi erogati nell'ambito di un'attività sportiva dilettantistica se superiori al 20% rispetto ai salari o stipendi previsti, per medesime qualifiche, dal CCNL.

Infine una breve sintesi degli obblighi in capo alle parti interessate a seguito di somme corrisposte per lo svolgimento di attività sportive dilettantistiche:


PERCIPIENTE
1) sino a 30.658,28 annui, in assenza di altri redditi, i compensi sono soggetti a ritenuta a titolo d'imposta ed alcun mod dichiarativo deve essere presentato;

2) sino a 10.000,00 annui e con altre entrate da dichiarare i compensi sono esenti da tassazione ma, pur non concorrendo alla formazione dell'imponibile, sono comunque da evidenziare nel mod Unico PF mentre, al contrario, nulla da indicare in caso di compilazione del 730;

3) oltre i 10.000,00 annui, sempre in presenza di altri redditi da dichiarare, i compensi devono essere riportati o nel mod Unico PF o nel 730;


EROGANTE
1) acquisire attestazione dal percipiente con cui lo stesso dichiara di non possedere redditi di altra natura e suo impegno a comunicare tempestivamente all'ente il superamento del limite dei 10.000,00;

2) in caso di splafonamento della suddetta soglia versare le relative ritenute, add.li regionali e comunali;

3) rilasciare la certificazione unica;

4) presentare il modello 770 semplificato.

Giancarlo Romiti
Commercialista, Rapallo



NEWS
 

PRIVACY: NUOVO DECRETO PER L'ADEGUAMENTO DELLA NORMATIVA NAZIONALE AL G.D.P.R.

PRIVACY: NUOVO DECRETO PER L’ADEGUAMENTO DELLA NOR…

CONSIGLIO DEI MINISTRI N° 14 DEL 08/08/2018

Agosto 2018


CODICE DEGLI APPALTI: ON LINE LA CONSULTAZIONE PER…

DICHIARAZIONI DEL MINISTRO TONINELLI: A SETTEMBRE …

Agosto 2018


TERZO SETTORE: NUOVO DECRETO E PROROGA PER L’ADE…

CONSIGLIO DEI MINISTRI N° 13 DEL 02/08/2018

Agosto 2018

CIRCOLARI E
APPROFONDIMENTI

SPORT DILETTANTISTICO: IMPRESSIONI D'AUTUNNO

UNA PRIMA ANALISI DELLA CIRCOLARE 18/E DELL’AGENZI…

ASPETTI PROBLEMATICI E COORDINAMENTO NORMATIVO

Agosto 2018


IL CONSENSO ALLA PRIVACY DEI MINORI, E LA PUBBLICA…

LA SITUAZIONE DOPO IL DECRETO ITALIANO DI ADEGUAME…

Agosto 2018

CONVEGNI E
FORMAZIONE

Seminario Giuridico Fiscale: Faenza, 27 ottobre 2018

Seminario Giuridico Fiscale: Faenza, 27 ottobre 20…

Comitato Provinciale CSEN di Ravenna

Ottobre 2018


Simone Boschi nel Corpo Docente sul Terzo Settore

Un nuovo ed importante riconoscimento alle capacit…

Luglio 2018



BANDI
E CONTRIBUTI

RACCOLTA DI OPPORTUNITA’ REGIONALI PER LE ASSOCIAZIONI

RACCOLTA DI LEGGI REGIONALI SULLO SPORT

AGGIORNATA AD AGOSTO 2018

Agosto 2018


RASSEGNA DI BANDI REGIONALI PER SPORT, CULTURA, VO…

LA RIVINCITA DELLE ASSOCIAZIONI CULTURALI

Luglio 2018

LEGGI E
SENTENZE

A.S.D. e S.S.D.: la perdita dei benefici fiscali e la scorretta imputazione delle spese di sponsorizzazione

A.S.D. e S.S.D.: la perdita dei benefici fiscali e…

Raccolta delle decisioni della Corte di Cassazione…

Luglio 2018


LA DILIGENZA NELL’USO DELLA P.E.C.: ORDINANZA DE…

UNA PRONUNCIA DI INTERESSE ANCHE PER LE SOCIETA’…

Giugno 2018


Lombardia e Veneto in Corte Costituzionale contro …

Depositati i ricorsi in Corte Costituzionale il 9 …

Ottobre 2017

SCADENZARI
 

scadenzari

Scadenzari fiscale e previdenziale ottobre 2018

Ottobre 2018

Scarica gli scadenzari fiscale e previdenziale del mese di ottobre 2018



MODULISTICA
 

modulistica

Modulistica

Gli iscritti qui potranno trovare
modulistica per la gestione
della propria associazione




Facebook
Twitter
Google Plus


News
FiscoCsen Risponde
Corsi e Convegni


Via Luigi Bodio, 57
00191 Roma (RM)
Telefono:+39 06 32 94 807
FAX:+39 06 32 92 397
C.F.80192090589

E-mail: info@fiscocsen.it