Il risveglio del Grillo Parlante

 

L’aumento delle temperature, sia pure nel mezzo del nubifragio di oggi, ha risvegliato dal suo lungo letargo il grillo parlante di fiscocsen che si è svegliato con un tema in testa: quello dei corsi di formazione

E’ rimasto stupito del numero di convegni che ancora si organizzano in giro sulla riforma del terzo settore. Ma siamo certi che rimarrà così come partorita? Il padre politico, il sottosegretario Bobba, non è più parlamentare, i due partiti vincitori delle elezioni si erano mostrati contrari fino dall’approvazione della legge delega.  Non saranno ore e ore di formazione vanificate da un decreto correttivo che modificherà sostanzialmente (e per molti compreso il grillo parlante questo è un auspicio) il quadro normativo che viene descritto in questi incontri? Ma perché farne ancora quando per il 2018 non cambierà nulla?

Analogamente nello sport dilettantistico. E’ un boom di convegni sugli aspetti fiscali. Ma fino a quando il coni non sbloccherà il c.d. pacchetto Lotti dando il via libera alla società lucrativa e alla nuova disciplina dei compensi sportivi di cosa parliamo? In più è bellissimo vedere un quadro di docenti dei quali non vi è traccia di alcuno studio sugli aspetti fiscali delle sportive. E se effettivamente si arrivasse ad una ulteriore semplificazione degli adempimenti le migliaia di consulenti sportivi o presunti esperti di associazioni nel frattempo nati che fine farebbero?

Ma di attualità diventa parlare di yoga e dei corsi per istruttori di questa disciplina

Sia consentita, in via preliminare, una precisazione. Nessuno ha escluso lo Yoga dalle discipline sportive riconosciute. Fino al 31.12.2017 non esisteva alcun elenco di discipline sportive “riconosciute”. Pertanto qualsiasi attività, fisica o mentale, venisse svolta da un soggetto avente titolo per qualificarsi quale associazione sportiva dilettantistica o società sportiva dilettantistica (ritenendosi come tali quelle realtà costituite ai sensi di quanto previsto dai commi 17 e 18 dell’art. 90 della legge 289/02, regolarmente affiliate ad una federazione sportiva nazionale, ente di promozione sportiva o disciplina sportiva associata e iscritte al registro Coni) si poteva considerare attività sportiva e dava diritto al godimento delle agevolazioni fiscali previste per tali attività tra le quali, la più rilevante, la possibilità di riconoscere agli operatori compensi sportivi non soggetti a ritenuta.

Tale ”libertà” avevo portato ad “eccessi” che erano stati stigmatizzati dalle autorità di controllo (Agenzia delle entrate e Ispettorato Nazionale del Lavoro). Il Coni, raccogliendo l’invito proveniente da dette autorità ha ritenuto opportuno delimitare il campo di applicazione di tali agevolazioni individuando un elenco di discipline sportive c.d. riconosciute, ossia che consentivano (e solo esse) l’iscrizione al registro Coni. Per fare questo ha adottato, come criterio, quello di riconoscere le discipline sportive svolte dalle Federazioni e discipline sportive associate riconosciute, nonché allargando alle altre discipline sportive non praticate da Federazioni o DSA riconosciute ma ritenute discipline sportive dagli organi internazionali CIO e Sport Accord. All’interno di questo schema lo yoga non è ricompreso e non poteva esserlo, appunto, per l’assenza di un riconoscimento preesistente come disciplina sportiva a livello nazionale o internazionale. Si evidenzia che l’elenco Coni delle discipline sportive è a carattere “aperto” pertanto un eventuale riconoscimento a livello internazionale da una autorità sportiva dello yoga sicuramente consentirebbe un eventuale successivo riconoscimento anche da parte del CONI.

Una domanda sorge spontanea alla quale vorrei che i responsabili delle associazioni di yoga mi rispondessero sinceri. Se non ci fosse in ballo la disciplina dei compensi sportivi sosterrebbero lo yoga come disciplina sportiva? Per favore, usciamo dalla ipocrisia, qui il problema è solo di vantaggi fiscali, altro che di definizione di sport!!

Quale futuro per gli insegnanti di yoga?

Purtroppo sotto il profilo delle agevolazioni fiscali o di compatibilità con le leggi regionali sullo sport nessuna.

Ossia non essendo lo yoga, per i motivi sopra ricordati, una disciplina sportiva riconosciuta, il suo insegnamento rientra tra quelle attività che possono essere poste in essere da “chiunque” non essendoci alcuna riserva di legge in tal senso. Pertanto il percorso di formazione, qualsiasi esso sia, vale per il valore culturale del titolo stesso. Sarà il “mercato” degli utenti a saper apprezzare la maggiore o minore preparazione di un docente

Alcune Associazione promuovono corsi per istruttori di yoga che, a loro dire, consentano di beneficiare delle agevolazioni fiscali. E reale questa situazione?

L’insegnamento dello Yoga come tale non gode di alcuna riserva di legge. Pertanto si ribadisce che chiunque può legittimamente insegnare yoga (così come chiunque in teoria potrebbe insegnare informatica o idraulica). Pertanto tutti questi diplomi, da chiunque rilasciati, non hanno mai valora “abilitante” che non sia quello di carattere culturale legato alla maggiore preparazione conseguito dall’insegnante che ha frequentato il corso

I diplomi di “insegnante di yoga” hanno al momento analogo peso da chiunque siano rilasciati, sia esso soggetto riconosciuto o non riconosciuto dal Coni. Differente diventa il “peso” del presunto insegnante di “ginnastica con il metodo yoga” o di “cultura fisica con il metodo yoga” rilasciato da una Federazione sportiva o ente di promozione sportiva riconosciuta dal Coni.  In tal caso diventa un insegnante di “specifica disciplina sportiva”. Come tale, se svolge tale attività per una ASD o SSD potrà ricevere i c.d. “compensi sportivi” defiscalizzati e potrà essere legittimato a insegnare detta disciplina alla luce delle leggi regionali sullo sport vigenti in alcune regioni di Italia.

                                          Guido Martinelli



NEWS
 

Le interviste di FiscoCsen

Le interviste di FiscoCsen

Al telefono con ….Marco D’Isanto

Giugno 2018



ULTIMA ORA: CONCLUSA A TRIESTE LA GIUNTA NAZIONALE…

Importanti anticipazioni per il Consiglio del 10 l…

Giugno 2018

CONVEGNI E
FORMAZIONE

Tavola Rotonda a Supporto del No-profit

Disciplina dei Rapporti di Lavoro nel mondo dello …

Ordine dei Consulenti del Lavoro – Verona, 14 giug…

Giugno 2018


Le nuove forme della sussidiarietà orizzantale

Aula Pessina, Corso Umberto I, 40, Napoli, 28 marz…

Marzo 2018


BANDI
E CONTRIBUTI

FINANZIAMENTI E CONTRIBUTI PER LO SPORT: CAPITOLO IMPIANTI SPORTIVI

FINANZIAMENTI E CONTRIBUTI PER LO SPORT: CAPITOLO …

A.S.D. E S.S.D.: QUANDO LA CURA DEGLI IMPIANTI PUO…

Giugno 2018


Fondazione Carispezia: Bando n. 06/2017

Integrazione e inclusione: una sfida possibile.

Gennaio 2018


Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto

Bando 2018 cultura e sport per il sociale

Gennaio 2018

LEGGI E
SENTENZE

Lombardia e Veneto in Corte Costituzionale contro alcune previsioni del  Codice del Terzo Settore

Lombardia e Veneto in Corte Costituzionale contro …

Depositati i ricorsi in Corte Costituzionale il 9 …

Ottobre 2017


La giurisprudenza di Cassazione sulle sportive

Articolo di Guido Martinelli tratto da Euroconfere…

Maggio 2017


SCADENZARI
 

scadenzari

Scadenzari fiscale e previdenziale giugno 2018

Giugno 2018

Scarica gli scadenzari fiscale e previdenziale in formato pdf



MODULISTICA
 

modulistica

Modulistica

Gli iscritti qui potranno trovare
modulistica per la gestione
della propria associazione




Facebook
Twitter
Google Plus


News
FiscoCsen Risponde
Corsi e Convegni


Via Luigi Bodio, 57
00191 Roma (RM)
Telefono:+39 06 32 94 807
FAX:+39 06 32 92 397
C.F.80192090589

E-mail: info@fiscocsen.it